Si parla della nascita di un nuovo soggetto politico “di sinistra” che riempia il vuoto di rappresentanza lasciato libero dal Pd di Matteo Renzi. E qualcuno fa il nome, come possibile leader, di Maurizio Landini, il quale però ha smentito di essere interessato all’iniziativa. Ma c’è davvero spazio per questo nuovo partito? Potrebbe venir fuori dalle urgenze della crisi economica e nel contesto delle lotte sociali contro la riforma del lavoro? Ma soprattutto, avrebbe la rilevanza mediatica e organizzativa per sfuggire a un destino di marginalità? Abbiamo posto la questione al corteo convocato dalla Fiom ieri a Milano in questo speciale di ‘Uomo da marciapiede‘. Tra i lavoratori in sciopero pochi hanno dubbi. Rivolgiamo ora la domanda a voi: c’è spazio per un nuovo soggetto politico che si rivolga ai ceti sociali più deboli di fronte alla crisi? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, sfilano gli anti Marino. Tra Mameli, Venditti e saluti romani: “Nun te pagamo”

prev
Articolo Successivo

De Magistris, Alfano: “Ricorso contro il reintegro è atto dovuto. Severino non regge”

next