Una foto postata su twitter ha scatenato una vera e propria bufera: una ragazza taglia 40 all’interno di un negozio della catena Topshop ha denunciato come i manichini fossero eccessivamente magri. Il tweet in questione postato da Becky Hopper afferma:

La ragazza a sinistra è una taglia 40/42 #Topshop #poveraimmaginedelcorpo #irresponsabile #fashion #hightstreet

Topshop240Già qualche mese fa era successo che un utente avesse denunciato sempre tramite il social network i manichini del brand “La Perla” per l’eccessiva magrezza. Il tweet di denuncia dei manichini anoressici ha superato i 6000 retweet costringendo l’azienda sotto accusa a replicare. Topshop in una nota dichiara:“ Quel manichino viene utilizzato da quattro anni ed è stato realizzato sulla base della taglia britannica standard 10 (equivalente ad una 42). È più alto di quanto lo sia una ragazza in media e le sue forme sono stilizzate allo scopo di produrre l’effetto visivo necessario in un negozio. Essendo realizzato in materiale solido, le dimensioni devono essere tali da consentire agli indumenti di essere allestiti e rimossi. In questo senso quindi non è la rappresentazione di un corpo femminile medio”.

Secondo l’azienda quindi la taglia della ragazza rappresentata nella foto e del manichino sono uguali, solo che quest’ultimo è stilizzato. La polemica in rete è più viva che mai e mette sotto accusa la moda e i suoi messaggi fuorvianti. Qualche tempo addietro la catena Debenhams aveva immesso nel mercato manichini taglia 46 per la felicità delle donne curvy. Una vera e propria rivoluzione: per la prima volta donne con fisicità non canoniche nel mondo della moda si sentivano rappresentate. Uno studio condotto dalla Cambridge University nel 2012 ha persino sostenuto che ci sono prove che i manichini con taglie più morbide spingono le donne ad avere un potere d’acquisto più alto perché le fanno sentire appagate e infondono maggior sicurezza.  Anche in quel caso,però, le polemiche non sono mancate.

Dame Sally Davies, Chief Medical inglese, aveva accusato che tali rappresentazioni potevano “normalizzare” il sovrappeso

In Venezuela stanno spopolando da qualche anno i fantocci che rappresentano la donna siliconata. Come sottolineava un articolo del New York Times tra le donne del Paese latino americano vi è una vera e propria ossessione per la chirurgia estetica. Ecco quindi che in negozi si attrezzano e cercano di rappresentare al meglio le proprie clienti:  busti assottigliati, vitini da vespa, seni esorbitanti, natiche scolpite, queste le caratteristiche dei manichini presenti. Anche l’ormai defunto Presidente Hugo Chavez aveva cercato di arginare la diffusione degli interventi di chirurgia plastica e aveva dichiarato pubblicamente che era mostruoso il fatto che le donne spendessero denaro per gli interventi di aumento del seno pur non avendo da mangiare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dopo Reyhaneh la pachistana Asia Bibi rischia la pena di morte per blasfemia

prev
Articolo Successivo

Lavori domestici, anche in Inghilterra fa quasi tutto lei. E fa meno carriera

next