Stefano Cucchi: la sentenza assolve tutti e dagli stadi di calcio ai social network cresce l’indignazione.
La pagina Facebook #vialadivisa, lancia una campagna di solidarietà: basta fotografarsi con un cartello “Ad uccidere Stefano sono stato io“. Il chiaro e provocatorio messaggio gioca con le parole ‘Stato e uccidere’. Un processo d’appello che ha dichiarato nessuno responsabile della tragica morte di Stefano Cucchi. Quindi a uccidere Stefano chi è stato? La risposta la stanno dando centinaia di ragazzi e ragazze su Facebook e Twitter.
Di seguito una gallery dei messaggi diffusi online nelle ultime ore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Trattativa: da Cirillo alle stragi, ‘indicibili accordi’ e reticenze di Stato

next
Articolo Successivo

Sciopero dei giudici di pace, 200mila processi “slitteranno al 2015”

next