Stefano Cucchi: la sentenza assolve tutti e dagli stadi di calcio ai social network cresce l’indignazione.
La pagina Facebook #vialadivisa, lancia una campagna di solidarietà: basta fotografarsi con un cartello “Ad uccidere Stefano sono stato io“. Il chiaro e provocatorio messaggio gioca con le parole ‘Stato e uccidere’. Un processo d’appello che ha dichiarato nessuno responsabile della tragica morte di Stefano Cucchi. Quindi a uccidere Stefano chi è stato? La risposta la stanno dando centinaia di ragazzi e ragazze su Facebook e Twitter.
Di seguito una gallery dei messaggi diffusi online nelle ultime ore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa: da Cirillo alle stragi, ‘indicibili accordi’ e reticenze di Stato

prev
Articolo Successivo

Sciopero dei giudici di pace, 200mila processi “slitteranno al 2015”

next