Stefano Cucchi: la sentenza assolve tutti e dagli stadi di calcio ai social network cresce l’indignazione.
La pagina Facebook #vialadivisa, lancia una campagna di solidarietà: basta fotografarsi con un cartello “Ad uccidere Stefano sono stato io“. Il chiaro e provocatorio messaggio gioca con le parole ‘Stato e uccidere’. Un processo d’appello che ha dichiarato nessuno responsabile della tragica morte di Stefano Cucchi. Quindi a uccidere Stefano chi è stato? La risposta la stanno dando centinaia di ragazzi e ragazze su Facebook e Twitter.
Di seguito una gallery dei messaggi diffusi online nelle ultime ore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Trattativa: da Cirillo alle stragi, ‘indicibili accordi’ e reticenze di Stato

next
Articolo Successivo

Sciopero dei giudici di pace, 200mila processi “slitteranno al 2015”

next