Giorgio Napolitano durante l’udienza è stato un po’ difeso dalla Corte. Il dibattimento è stato gestito in maniera molto cauta. L’udienza a mio avviso è stata interessante al 51 per cento”. Lo ha detto Luca Cianferoni, legale di Totò Riina, al termine dell’udienza al Colle del presidente della Repubblica, sentito come testimone nel processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia.  “La Corte non ha ammesso la domanda più importante”, quella sul colloquio tra l’attuale inquilino del Colle e l’ex presidente Oscar Luigi Scalfaro quando pronunciò il famoso ‘non ci sto'”, ha detto ancora il legale, spiegando che “questa domanda non ha trovato il diniego di Napolitano ma quello della Corte che non l’ha ammessa. Totò Riina, ha riferito infine Cianferoni “nel ’93 non ha mandato nessuno a mettere le bombe perché era in carcere”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, Boccassini: “Dopo l’indagine Infinito, nulla è cambiato”

prev
Articolo Successivo

Trattativa, avvocato di Mancino: ‘Napolitano ha risposto a tutto’

next