In una Palermo in allerta per le minacce al pg Roberto Scarpinato la cronaca registra un nuovo episodio. Un proiettile da guerra è stato trovato in aiuola che si trova tra il vecchio e il nuovo palazzo di giustizia. L’allerta tra gli investigatori è massima. A fare la scoperta è stato un addetto che ripuliva un aiuola dalle sterpaglie tra le quali il proiettile, pare di fabbricazione israeliana, era nascosto. Sull’episodio indagano i carabinieri. 

Lunedì invece si è scoperto che le riprese delle videocamere, piazzate nei corridoi della Procura generale a sorvegliare cosa accade al primo piano del tribunale di Palermo, sono state cancellate. Qualcuno ha manipolato le registrazioni eliminando le immagini registrate nei giorni della misteriosa incursione durante la quale, sulla porta davanti alla stanza del pg Roberto Scarpinato, venne lasciato scritto, un avvertimento. “Accura”, stai attento, diceva in dialetto siciliano l’anonimo. Negli ultimi giorni il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza ha deciso di rafforzare le misure di sicurezza attorno al pg di Palermo in virtù delle intimidazioni subite e oggi un centinaio di persone hanno manifestato davanti agli uffici giudiziari in segno di solidarietà. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nando Orfei morto. Addio al padre del circo italiano e al “domatore” di Fellini

next
Articolo Successivo

Pinotti all’Ikea, la scorta si oppone al controllo. Ma il ministro: “Faccia pure”

next