Intervistato da Sabina Guzzanti per le riprese del film #LaTrattativa, il pm Nino Di Matteo spiega – in questa clip extra in esclusiva per il Fatto Quotidiano – le ragioni che hanno portato alla nascita della strategia stragista di Cosa Nostra a partire dal 1992. Secondo il procuratore di Palermo “La fase nasce già prima della sentenza del maxiprocesso, quando i vertici di Cosa Nostra si rendono conto che i vecchi referenti politici dell’ala andreottiana non sono in grado di rispettare le promesse fatte”. Nelle parole dello stesso Totò Riina, le stragi devono permettere di “tagliare i rami secchi” e sostituire i vecchi referenti politici con nuovi personaggi che possano garantire maggiore sostegno all’organizzazione mafiosa. #LaTratattiva, film scritto e diretto da Sabina Guzzanti (distribuito da BIM) uscirà nelle sale il 2 ottobre

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Fabrizio Corona trattato peggio dei boss al 41 bis”. Imprenditore antiracket accusa

prev
Articolo Successivo

Trattativa, Di Matteo vs De Mita: ‘Non alzi la voce’. Lui: ‘Sono sordo e smemorato’

next