Tetti ai compensi e ferie dei magistrati. Sono questi i nodi su cui si concentra lo scontro tra l’Anm e il presidente del Consiglio Matteo Renzi che, nel corso della trasmissione televisiva “Che tempo che fa” andata in onda domenica sera, secondo l’associazione “ha rilasciato dichiarazioni che riguardano i magistrati e il concreto funzionamento degli Uffici giudiziari italiani che non corrispondono alla realtà dei fatti”. 

Elementi che Anm “rileva con vivo rammarico” e a cui replica “con estrema fermezza” perché non ha “mai dichiarato che l’introduzione di un tetto massimo alle retribuzioni di 240mila euro annuali sia un attentato alla libertà o all’indipendenza della magistratura. Chi sostiene il contrario è invitato a dimostrare, una volta per tutte, quando e come l’Associazione avrebbe fatto una simile affermazione”. Né tanto meno ha mai detto “che la riduzione della sospensione feriale e delle ferie (realizzata con il decreto legge n. 132/2014) sia un attentato ai magistrati“. E, quanto al tetto massimo degli stipendi fissato a 240mila euro, l’Anm ricorda che “è raggiunto solo dai massimi vertici della Corte di Cassazione e della relativa Procura Generale e che la retribuzione media dei magistrati è enormemente inferiore a quella cifra”. 

Le frasi di Renzi – Il premier già fine agosto aveva proposto “il dimezzamento della chiusura estiva dei tribunali” con la riduzione della pausa a 20 giorni rispetto a quanto accade oggi, che vede “la giustizia si ferma dal 1 agosto al 15 settembre”. Visione ribadita anche dal ministro della Giustizia Andrea Orlando (“E’ un momento in cui tutti devono compiere un sacrificio”) mentre i tecnici di Palazzo Madama sono convinti degli effetti positivi di un eventuale taglio ferie alle toghe, in grado di “accelerare i procedimenti”. Nel corso di “Che tempo che fa”, oltre a condividere le parole di Giorgio Napolitano sull’urgenza della riforma della giustizia – sulla quale è tornato di recente anche dal presidente del Senato Piero Grasso -, il capo del governo ha spiegato: “Quando dico che bisogna mettere il tetto dei dirigenti pubblici a 240mila euro e sento l’Anm che dice ‘Renzi sta attentando alla libertà’, io dico che non è attentato alla libertà dei magistrati”. E secondo il premier non lo è neanche chiedere ai magistrati e agli avvocati, visti i “45 giorni di sospensione feriale, di “farci la cortesia di lavorare un pochino di più, quando chi ci segue da casa si spacca la schiena e ha molto meno tempo”.

Anm: “Ferie indipendenti dalla produttività” – Tutti elementi su cui l’Anm ribatte punto per punto. “Gli uffici giudiziari non chiudono mai – continua la nota – e l’Anm non ha mai dichiarato che la riduzione della sospensione feriale e delle ferie (realizzata con il decreto legge n. 132/2014) sia un attentato ai magistrati. In realtà – prosegue la nota – l’istituto della sospensione dei termini processuali in periodo feriale – fino ad oggi fissato dal 1° agosto al 15 settembre – è destinato ad assicurare il concreto esercizio del diritto di difesa (art. 24 Cost.), al fine di evitare il decorso dei termini processuali nei processi ordinari, in un tempo che i cittadini tradizionalmente dedicano al riposo annuale”.

E sulle ferie “finora determinate in 45 giorni” l’associazione dei magistrati ricorda che “in tale periodo i magistrati erano comunque tenuti al deposito dei provvedimenti, non essendo prevista alcuna sospensione dei relativi termini. Dunque – prosegue l’associazione – il numero dei provvedimenti emessi è indipendente dalle ferie godute, la cui riduzione non potrà determinare alcun incremento di produttività“. “La magistratura – conclude la nota – ha troppo rispetto della propria indipendenza, per strumentalizzarla a secondi fini. Ci si attende uguale rispetto da parte di tutti. Ci auguriamo, con ciò, di avere fatto – si spera definitiva – chiarezza, nell’interesse di una corretta informazione e della dignità di quanti operano con sacrificio e impegno nel delicato settore dell’amministrazione della Giustizia”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Truffa servizio sanitario, indagato ex presidente Inps Mastrapasqua

prev
Articolo Successivo

Baby prostitute Parioli: via libera dei pm al patteggiamento di 4 clienti

next