Un centinaio di ebrei ultra ortodossi ha ritardato la partenza di un aereo perché si rifiutava di sedersi vicino alle donne. E’ quanto accaduto all’aeroporto JFK di New York su un volo El Al diretto a Tel Aviv. Il gruppo di ebrei era diretto in Terra Santa per festeggiare il Capodanno ebraico. Uno dei dettami degli Haredi, il gruppo conservatore di cui sono parte, obbliga alla segregazione tra uomini e donne. Quando il gruppo è salito in cabina si sono rifiutati di sedersi e hanno occupato il corridoio. 

Visto che gli ortodossi non volevano prendere posto per non venire meno alle loro osservanze, l’aereo non poteva decollare. Il gruppo di conservatori ha persino tentato di convincere gli altri passeggeri a cambiare posto offrendo loro dei soldi. Ma nessuno ha accettato, il ritardo cominciava a spazientire le persone a bordo e l’equipaggio si è difeso dicendo che l’assegnazione dei posti è automatica una volta prenotato il volo ed era troppo tardi per un cambiamento.

Hostess e comandante sono infine riusciti a convincere i religiosi a sedersi dove indicato dal loro biglietto. Il volo è stato definito da uno dei passeggeri: “Un incubo di undici ore“. Non solo la difficoltà di “gestire” le richieste degli ortodossi ma persino durante il volo, non appena il segnale annunciava che ci si poteva slacciare le cinture, gli uomini “saltavano” fuori dal sedile per radunarsi in piedi, lungo il corridoio, a debita distanza dalle signore. Ciò ha causato una ulteriore difficoltà all’equipaggio che non riusciva a muoversi con i carrelli per servire i pasti. 

Oltre alle scuse di rito, la compagnia El Al si è giustificata dicendo che si tratta di uno dei periodi di maggior traffico da e per Israele, ma che comunque verrà fatto ogni sforzo per soddisfare le esigenze di tutti i passeggeri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

India, Modi chiama le aziende occidentali: “Meno burocrazia e sgravi, investite da noi”

prev
Articolo Successivo

Mosca, stretta sui media: tetto del 20% agli stranieri e più soldi alle tv di governo

next