La procura di Reggio Emilia, grazie alle indagini della Digos, ha denunciato Pietro Drammis, 58 anni, presidente del seggio 7, dove nelle elezioni comunali della scorsa primavera sono state trovate 31 schede contestate, con l’accusa di aver alterato le schede di voto, con l’aggravante d’aver agito in qualità di appartenente all’ufficio elettorale. Sarebbe stato lui, secondo le indagini, ad aggiungere nelle schede già votate le preferenze di due candidati nella lista del Pd: Salvatore Scarpino e Teresa Rivetti (poi eletti in consiglio comunale).

A segnalare le presunte irregolarità era stato il Movimento 5 Stelle con la consigliera comunale Alessandra Guatteri e la deputata Maria Edera Spadoni (che ha depositato un’interrogazione a Montecitorio in proposito). Secondo i primi riscontri, Drammis avrebbe agito senza alcuna complicità. Le indagini stanno continuando per capire quali siano le motivazioni che abbiano spinto l’uomo a intervenire sulle schede elettorali. “E’ la prova”, commenta Spadoni, “che la nostra denuncia era fondata. I cittadini reggiani vogliono chiarezza e pulizia. Auspico che le indagini proseguano serenamente senza alcun tipo d’interferenza e resto in attesa della risposta del Governo alla mia interrogazione firmata insieme a 16 colleghi del M5S dove chiedo quali misure il ministero dell’interno intenda adottare per prevenire e contrastare condotte illecite ed illegittime nelle procedure di voto e scrutinio”. Così anche Guatteri: “La vicenda però dimostra come anche nella nostra città non sia possibile abbassare la guardia“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornata della cittadinanza solidale: storie di volontariato, microcredito e social street

prev
Articolo Successivo

Piacenza, bimbo di 2 anni morì in auto per asfissia: prosciolto il padre che lo dimenticò

next