Un aereo acrobatico è caduto al Lido di Venezia durante la manifestazione “Fly Venice” all’aeroporto Nicelli. L’incidente è avvenuto domenica 21 settembre alle 16 nel corso di un’esibizione acrobatica davanti a una folla di 5mila persone. Morto il pilota, Francesco Fornabaio, campione del mondo della categoria nel 2014. L’atleta professionista, pluripremiato a livello internazionale, era nato a Milano e si allenava a Udine. Dal 2002 Fornabaio era diventato membro della nazionale italiana di acrobazie aeree. Al momento dell’incidente si trovava a bordo di un “Breitling Xtreme 3000” e stava concludendo una manovra acrobatica. Secondo le prime ricostruzioni, Fornabaio ha spento il motore e poi è precipitato sull’asfalto.

Un carriera piena di successi, quella del pilota milanese. Nel 1997 Fornabaio si è classificato primo nel campionato italiano, categoria intermedia. Ha poi partecipato ai campionati italiani, europei e mondiali di categoria illimitata, in cui era il vice campione italiano di Freestyle. La sua specialità era il volo artistico, con cui si esibiva proprio durante gli airshow. La terza edizione di “Fly Venice“, inaugurata venerdì 19 settembre, ha messo in mostra gli elicotteri di vigili del fuoco, forze dell’ordine e aeronautica militare. Nel programma della kermesse rientravano però anche diverse esibizioni di campioni italiani di acrobazia aerea, tra cui quella di Fornabaio.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco: “Gli estremisti travisano la religione, nessuno si faccia scudo di Dio”

prev
Articolo Successivo

Napoli, morire in subappalto

next