Torna a casa Michael Schumacher, l’ex pilota della Ferrari verrà dimesso dall’ospedale di Ginevra in cui è ricoverato a causa del grave incidente sugli sci del 29 dicembre 2013 a Meribel, in Francia. Lo annuncia la manager del 7 volte campione del modo di Formula 1, Sabine Kehm, che, però, precisa: “Michael continuerà la riabilitazione a casa, ma il processo di guarigione è ancora lungo”. La donna che cura gli interessi dell’ex pilota Ferrari spiega, però, che non si può parlare di grandi cambiamenti delle sue condizioni: “Queste sono informazioni generali e tirare conclusioni che lo stato di salute è fortemente cambiato sarebbe falso, ha davanti ancora un lungo e duro percorso”.  Kehm ringrazia l’equipe dell’ospedale di Losanna che ha curato Schumi “per il lavoro intenso e competente” e aggiunge che “non sarà necessario realizzare alcuna costruzione sul terreno di casa Schumacher”.

L’ex pilota era entrato in coma dopo un incidente sugli sci sulle montagne francesi, il 29 dicembre scorso. Il più volte campione del mondo era caduto e aveva sbattuto la testa contro una roccia. Durante l’intervento dei medici, Schumi era ancora cosciente, ma, dopo il trasporto in elicottero, era arrivato all’ospedale di Grenoble in stato semicomatoso. Dopo l’operazione alla testa per riassorbire la grave emorragia cerebrale, i medici avevano deciso di metterlo precauzionalmente in coma farmacologico. Il campione di Formula 1 è uscito dal coma 6 mesi dopo e da quel momento la famiglia ha deciso di continuare la sua riabilitazione in una clinica di Losanna, in Svizzera. Negli ultimi mesi, le condizioni di Schumacher sono gradualmente migliorate e l’ex pilota Ferrari ha iniziato a interagire con l’ambiente esterno e a comunicare con il movimento degli occhi.   

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ciclismo, Vuelta Espana 2014: Contador ‘pellegrino rosso’ verso Santiago

prev
Articolo Successivo

Marco Pantani, chi viveva nella stanza accanto rivela: “Dalla sua nessun rumore”

next