Il governo convoca le banche sulle commissioni per i pagamenti con il Pos: a pochi giorni dell’entrata in vigore dell’obbligo di accettare il pagamento elettronico per gli importi superiori ai 30 euro, l’esecutivo punta a fare da intermediario tra le richieste dei professionisti e gli istituti bancari. Il primo obiettivo è trovare una riduzione sulle commissioni, ma nel confronto è possibile anche sia ripreso il nodo della sanzione, che adesso non è prevista e ha così depotenziato l’obbligo. Al ministero dello Sviluppo economico si troveranno il ministro Federica Guidi, con il ministero del Tesoro, la Banca d’Italia e il consorzio Bancomat. L’appuntamento è in agenda per il prossimo 16 luglio.

L’entrata in vigore dell’obbligo dell’installazione del Pos, che deve essere garantito per le spese superiori ai 30 euro, ha rimesso al centro problemi irrisolti: lo scarso uso della moneta digitale e la preferenza per il contante, il sempre presente rischio evasione, e il valore delle commissioni sui pagamenti elettronici, considerato eccessivo dagli operatori. Dal 30 giugno sono arrivate le prese di posizione di tutti gli attori coinvolti: commercianti, artigiani, professionisti, più silenziose le banche e la politica. In gran parte l’obbligo è stato salutato con fastidio e solo il 36% degli italiani, secondo un sondaggio Ixè, considera davvero efficace l’obbligo introdotto. Tra i limiti della misura c’è l’assenza della sanzione. “Credo ci voglia una scelta politica aggiuntiva rispetto a uno strumento che per ora è solo di moral suasion“, ha detto negli scorsi giorni il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi. L’obiettivo del governo è “fare il punto sull’entità dei costi e delle commissioni sulle transazioni che commercianti, artigiani e professionisti devono sostenere per l’utilizzo dei Pos”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Censis, lo “spread digitale” costa all’Italia 3,6 miliardi all’anno

prev
Articolo Successivo

Istat, consumi indietro di dieci anni. Il Trentino doppia la Sicilia nella spesa

next