La Fifa ha aperto una procedura disciplinare contro Luis Suarez, per il morso rifilato a Giorgio Chiellini durante Italia-Uruguay di ieri. Il bomber del Liverpool ora rischia grosso, in quanto recidivo: nel 2010, con la maglia dell’Ajax l’attaccante era stato protagonista di un episodio simile ai danni di Otman Bakkal, giocatore del Psv. E ancora: nel 2013, ad “assaggiare” i denti del Pistolero era stato il braccio di Branislav Ivanovic del Chelsea.

Ad inchiodare la punta sudamericana, oltre ai segni sulla spalla del difensore azzurro, ci sono le immagine televisive, dato che il morso è sfuggito all’occhio dell’arbitro Rodriguez Moreno. Ora Suarez e la Federazione uruguayana avranno tempo per spiegare la loro posizione in merito all’accaduto fino alle 22 (ora italiana) di oggi. L’Uruguay tornerà in campo sabato sera alle 22 per affrontare la Colombia negli ottavi di finale: con o senza Suarez.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014: Grecia-Costa d’Avorio 2-1. Ecco il tabellino e le pagelle

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014: scommette 4 euro sul morso di Suarez, ne vince 700

next