Un uomo di 48 anni è morto sulla tangenziale est di Milano in un incidente stradale provocato da tre banditi extracomunitari che stavano scappando da un’auto dei carabinieri. Secondo quanto spiegato dai militari, i tre non hanno rispettato l’alt imposto dalle forze dell’ordine in via Ripamonti e hanno accelerato imboccando a forte velocità la tangenziale in direzione Bologna. La fuga è proseguita fino al confine con il comune di San Donato Milanese, dove l’Audi dei malviventi ha speronato la Jeep guidata dal 48enne. Anche l’auto dei tre malviventi è rimasta distrutta nell’impatto ma i tre banditi sono riusciti a fuggire a piedi, approfittando del fatto che i militari erano impegnati a prestare i primi soccorsi all’uomo. Ora sono ricercati dai carabinieri con il supporto di un elicottero della Polizia.

Al momento dell’impatto con la jeep la macchina andava ad almeno 150 km/h; l’uomo, originario di Milano, è morto sul colpo; quando l’ambulanza è arrivata, infatti, ha potuto soltanto constatarne il decesso. L’Audi ha centrato in pieno la vettura e, nonostante la sua dimensione, la Jeep si è capottata un paio di volte prima di fermarsi sul fianco. Anche altre due persone sono rimaste coinvolte nell’impatto: un automobilista che ha rifiutato le cure e un motociclista per il quale è stato necessario il trasporto all’ospedale di San Donato per lievi traumi. 

Non è ancora chiaro cosa li abbia spinti a fuggire in quel modo; attorno alle 17, infatti, i carabinieri hanno intercettato l’Audi e gli hanno chiesto di accostare. La risposta all’ordine è stata un’accelerazione improvvisa: l’Audi è partita a folle velocità verso l’ingresso della tangenziale. Durante l’inseguimento i carabinieri hanno inviato in centrale il numero della targa e hanno scoperto che la vettura era intestata a un noto prestanome che risulta proprietario fittizio di decine di altre auto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Sì a matrimoni gay e ai sacramenti per divorziati”. I cattolici rispondo al Papa

prev
Articolo Successivo

Dell’Utri estradato in Italia: trasferito a Parma. Sequestrati soldi, telefoni e agende

next