Gli hanno sparato almeno dieci colpi di pistola in mezzo alla strada. E’ successo a Roma, nel quartiere di Centocelle, periferia est. Un 38enne viaggiava in sella alla moto quando è stato avvicinato da un una mini cooper  che lo ha scaraventato a terra. A bordo c’erano tre uomini che hanno aperto il fuoco. Almeno cinque colpi sono andati assegno, ma il ragazzo non sarebbe in pericolo di vita.

L’agguato è avvenuto intorno alle 19 tra via delle Mandragore e via delle Siepi. Il 38enne, con numerosi precedenti alle spalle, è stato ferito in varie parti del corpo, è stato soccorso dal 118 e trasportato in codice rosso al policlinico Casilino, ma non sarebbe in pericolo di vita. L’auto utilizzata è stata abbandonata sul luogo della sparatoria. E i tre sono fuggiti a piedi. Le indagini sono condotte dai carabinieri della compagnia Casilina e della stazione di Centocelle.

Quella di oggi (lunedì 9 giugno) è solo l’ultima di una lunga serie di sparatorie che hanno insanguinato le strade della Capitale. Il primo marzo del 2013 due ragazzi di 23 anni vennero feriti da colpi d’arma da fuoco. Il giorno prima, in centro, una rapina ad un portavalori si concluse con la morte di uno degli assalitoriGiorgio Frau, ex appartenente alle Brigate Rosse. A giugno dello stesso anno venne ferito in un agguato Fabrizio Toffolo, 47 anni, capo storico degli Irriducibili della Lazio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Camorra, il boss Iovine e le minacce a Saviano: “Ma che ce ne importa di questo”

prev
Articolo Successivo

Expo2015, “Le mani su Milano” racconta il sistema del mattone da Ligresti a oggi

next