“Sono arrivate 12.888 donazioni per un totale di 286.550,50 euro”. Beppe Grillo pubblica sul blog la lista delle spese del V Day di Genova dello scorso primo dicembre. A fianco anche la lista delle donazioni di chi ha acconsentito a vedere pubblicato il suo nome (circa 4mila persone). “Una donazione media”, scrive il leader 5 Stelle, “di poco più di 20 euro. 4.043 persone hanno dato il consenso a pubblicare il loro nome e l’importo della donazione effettuata”.

In tutto la giornata e l’evento sono costati al Movimento 5 stelle 232.045,75 euro. “L’eccedenza di 54.502,75 euro, come annunciato, è stata devoluta al sostenimento delle spese per la campagna elettorale per le elezioni europee del 25 maggio. Nel dettaglio le voci di spesa sono state: “trasporti, vitto e alloggio ospiti: € 7.356,99; noleggio bagni chimici: € 7.320; occupazione parcheggio Piazza della Vittoria: € 23.985,20; assicurazione per manifestazione (persone e aree verdi): € 5.200; servizi impianto audio: € 58.560; servizi impianto video: € 26.840; servizi e organizzazione palco: € 58.700,30; trasporti, vitto e alloggio struttura tecnica: € 9.348,74; trasporti, vitto e alloggio staff: € 4.935,14; servizi di doppiaggio video: € 536,80; security notturna e diurna per cantiere ed evento (8 giorni): € 9.803,92; realizzazione pass: € 1.740,60; servizi di traduzione simultanea: € 1.403 parcheggio pullman: € 610; servizio di interpretariato in lingua dei segni: € 500; noleggio cartelli stradali: € 1.781,20; connessione internet Telecom: € 1.878,47; spese bancarie banca etica: € 79,82; commissioni Paypal: € 11.465,57″. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marina Berlusconi, l’eterna candidata ‘senza voce’. La votereste?

prev
Articolo Successivo

Sondaggi elettorali, al sud e nelle isole boom M5s. Pd primo partito

next