Scontri in piazza Taksim a Istanbul, in Turchia, dove i manifestanti scesi in strada per il Primo maggio hanno sfidato il divieto governativo di riunirsi nel luogo divenuto simbolo della protesta anti-governativa. La polizia, in assetto anti-sommossa, ha sparato con cannoni ad acqua, lacrimogeni e proiettili di gomma sui dimostranti, riporta Hurriyet nella sua versione online. L’ufficio del governatore, si legge, ha denunciato “gruppi terroristici illegali” che farebbero ricorso alla violenza contro le forze di sicurezza. Con questa motivazione piazza Taksim e le strade circostanti sono state bloccate e interdette alle manifestazioni. Diversi sindacati avevano però già annunciato di voler dimostrare nella piazza nonostante il divieto. Altre manifestazioni sono attese in molte città del Paese. Prima che la giornata fosse dichiarata festività nazionale, nel 2009, il Primo maggio in Turchia era un giorno di conflitto che spesso sfociava in violenze. E piazza Taksim – dall’anno scorso cuore delle proteste contro il governo Erdogan – ne è un luogo simbolo: nel 1977, 34 persone vi furono uccise quando furono colpite da spari esplosi da un edificio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pena di morte, lo studio: “Innocente il 4% dei condannati negli Stati Uniti”

prev
Articolo Successivo

Uk, arrestato Gerry Adams, leader di Sinn Féin: è coinvolto in un omicidio del 1972

next