Alla fine i posti di lavoro all’Adnkronos sono stati salvati. Ma l’accordo firmato – dopo l’annuncio dell’editore Pippo Marra del licenziamento di 23 persone (20 giornalisti e tre poligrafici) nonostante i conti fossero in ordine – è quelli che vengono definiti “lacrime e sangue”. I giornalisti hanno a lungo scioperato: l’ultima giornata decisa era proprio oggi per cercare di salvare il lavoro di tutti. E quello che si è raggiunto è un sacrificio che cadrà soprattutto sulle spalle dei lavoratori.  

Entro quindi giorni: le redazioni dell’agenzia di stampa e quelle del sito saranno fuse, vengano di fatto annullati tutti i contratti integrativi e il girono di riposo sarà “maturato” per i giornalisti non dopo tre giorni – come prevede il contratto nazionale – ma dopo quattro giorni. E quando verrà ridiscusso il nuovo contratto integrativo il riposo verrà maturato dopo cinque giorni.

I riposi non goduti – alla data del 31 dicembre 2013 – verranno pagati al 50%. Ma non solo l’azienda porterà avanti questo piano “a fronte delle adesioni a conciliazioni individuali da parte di tutti i giornalisti interessati” a “possibili rivendicazioni economiche”. 

Eppure in una nota la Federazione nazionale della stampa e l’Associazione stampa romana, esprimendo “soddisfazione” e parlando di “successo della ragionevolezza”. “È il successo della ragionevolezza prevalsa alla fine di una delicata fatica negoziale delle parti, assistite da Fnsi, Associazione Stampa Romana e Fieg (per la parte aziendale)”, commentano il segretario nazionale della Federazione nazionale della stampa, Franco Siddi, e quello di Asr, Paolo Butturini. “È prevalsa la volontà di entrambe le parti di guardare allo sviluppo, alla tenuta aziendale, in un contesto difficile ma nel quale è necessario che le innovazioni di prodotto si coniughino con l’impegno e la crescita della professionalità dei giornalisti e del loro lavoro”.

“Ringraziamo – continuano i due dirigenti sindacali – il sottosegretario Luca Lotti sia per il contributo importante alla soluzione della controversia, sia per aver assicurato di farsi depositario e garante della stessa, anche monitorando costantemente i progressi dell’accordo”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tv, torna il Rischiatutto? Effetto nostalgia per coprire la mancanza di idee

prev
Articolo Successivo

Rai Net chiude, chi si occuperà delle strategie all-digital?

next