Editoriale di apertura di Michele Santoro, che incentra il suo commento sul “Gian Burrasca Renzi”: “Avanza lui, basta con le minestre, gli scarti, gli avanzi, le sciacquature dei piatti precedenti. Incoraggio Renzi ad andare avanti, non m’importa che abbia incontrato Berlusconi, perché tanto lo fanno in molti. Ho dei dubbi sulle sue idee, ma forza Italicum”. Ed esprime il suo scetticismo sulle nuove primarie, preferendo la preferenza e non le liste bloccate: “Io le liste bloccate non le voglio. Come decido il mio rappresentante? Come capisco chi va? E non raccontarmi, Gian Burrasca, che ci sono le primarie e le condizioni di Berlusconi. O mi porti nel seggio a decidere chi sarà il mio deputato oppure io le liste bloccate non le voglio perché sennò siamo al solito punto, o mangi la minestra o salti dalla finestra, e si resta col culo per terra”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, D’Alema su scontro Renzi-Cuperlo: “Mi occupo della Polonia”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Fassina: “Riconoscere le differenze nel Pd per migliorarlo”

next