Lo spettro del terrorismo alle Olimpiadi di Sochi rischia di allungarsi oltre la Russia, fino all’Italia e all’Ungheria. Mail con minacce terroristiche legate alle Olimpiadi invernali sono arrivate nelle sedi dei comitati Olimpici dei due paesi. La notizia, appresa dall’Ansa, è stata confermata da fonti internazionali.

Il Coni ha ricevuto questa mattina “una mail contenente minacce terroristiche in vista dei Giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014“. A quanto ha appreso il Coni, analoga mail è pervenuta al Cio e ad altri Comitati Olimpici. Il Coni ha trasmesso il contenuto della mail alle Autorità preposte alla sicurezza internazionale per il seguito di competenza. Nello stesso tempo il Comitato olimpico nazionale italiano “manifesta fiducia e serenità nelle misure di sicurezza che sono state garantite dagli Organizzatori al Cio, alle Federazioni Internazionali e ai Comitati Olimpici”.

Anche il comitato olimpico austriaco (Oeoc), come quello ungherese e quello italiano, ha ricevuto una email con minacce terroristiche. A Vienna, però, l’allarme è già rientrato. “Si tratta di un fake inviato da un mittente in Israele che è stato attivo inviando minacce per diversi anni”, dice Wolfgang Eichler, portavoce dell’Oeoc, all’agenzia austriaca Apa. “Sono stati effettuati i controlli perchè” il messaggio “è arrivato due giorni fa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Né Vucinic né Guarin all’Inter: nella Milano nerazzurra è farsa internazionale

prev
Articolo Successivo

Olimpiadi Sochi 2014, per i cittadini Usa un decalogo anti-intercettazioni

next