Le condizioni restano stabili, ma Pier Luigi Bersani resta “in prognosi riservata”. I medici dell’ospedale di Parma hanno aggiornato il bollettino sulle condizioni di salute dell’ex segretario Pd, colpito da una emorragia cerebrale e sottoposto a un intervento chirurgico, confermando che per ora il paziente resta ricoverato in rianimazione e dovrà essere monitorato per almeno altri cinque giorni. 

Il personale sanitario confermano l’assenza di danni neurologici e che il decorso post operatorio è regolare. Comunque permangono potenziali pericoli. “Bersani rimarrà in terapia intensiva ancora per 4 o 5 giorni per monitorare le eventuali complicazioni neurologiche, che però per il momento non si stanno manifestando” ha spiegato Maria Luisa Caspani, direttore della prima anestesia dell’ospedale Maggiore di Parma, durante una breve conferenza stampa sulle condizioni dell’ex ministro. 

“Sostanzialmente non abbiamo nessuna novità particolare. Le condizioni di Pier Luigi Bersani restano stabili. Il paziente è cosciente, collaborante e permane l’assenza di deficit neurologico” dicono i medici. Il ricovero in terapia intensiva è il “percorso di prassi teso al più tempestivo intervento nel caso in cui si manifestassero “complicazioni che al momento non si stanno evidenziando”. Bersani “ha parlato anche oggi con i familiari”, unici che hanno accesso al reparto di rianimazione. 

Sui tempi necessari alle dimissioni “ci aspettiamo tempi medio-lunghi, ogni caso è diverso” spiega Caspani. Sulle cause del malore, che secondo alcuni potrebbe essere attribuito anche allo stress della vita politica, spiega: “Non possiamo escludere nulla ma non possiamo saperlo”. Infine sulla necessità di sottoporre Bersani a una eventuale riabilitazione, Caspani non si sbilancia: “Èprematuro parlarne, vedremo”. Il prossimo bollettino sanitario, il sesto, sarà diffuso tra ventiquattro ore. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Equitalia, bomba a mano davanti sede Chivasso (Torino)

prev
Articolo Successivo

Verona, malata senza più casa popolare. Lettera di denuncia il giorno di Natale

next