Sono stati uccisi a coltellate i tre anziani trovati morti questa mattina a Caselle Torinese. Si tratta di una coppia di 64 e 65 anni e la madre di 93: Mariangela Greggio, professoressa in pensione, il marito Claudio Allione e la suocera Emilia Campo Dall’Orto. I carabinieri hanno trovato i loro corpi nelle camere da letto dell’abitazione, in un quartiere composto da villette a schiera costruite negli anni ’70. Chi ha compiuto la strage di Caselle si è accanito sui corpi delle vittime, che ha trafitto con numerose coltellate.

I carabinieri stanno interrogando in caserma il figlio della coppia, che aveva dato l’allarme. Ma non sarebbe stato il 26enne a trovare i corpi, bensì un vicino di casa al quale il giovane aveva telefonato spiegandogli che i genitori non rispondevano al telefono. In casa sono stati trovati due pastori tedeschi, vivi, ma non è stata trovata l’arma del delitto. In un primo momento, gli inquirenti avevano ipotizzato una possibile intossicazione da monossido di carbonio come causa della morte. Sul posto è arrivato il sostituto procuratore di Torino, Fabio Scevola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bersani colpito da emorragia cerebrale. Operato per 3 ore: “Prognosi riservata”

prev
Articolo Successivo

Milano, il primo arcobaleno del 2014 spopola su Facebook. Ecco le foto

next