Il primo ministro egiziano Hazem al-Beblawi ha ufficialmente dichiarato i Fratelli musulmani “un’organizzazione terroristica“. A renderlo noto all’agenzia si stampa ufficiale Mena è il portavoce noto è  il portavoce del premier, Sherief Shawki, all’agenzia si stampa ufficiale Mena.

La decisione è arrivata dopo l’attentato contro la base della polizia a Mansoura nel Delta del Nilo, dove nella notte di lunedì 23 dicembre, un’esplosione – probabilmente causata da un’autobomba – ha ucciso almeno 14 persone, in gran parte ufficiali, tra cui anche il capo della polizia e ne ha ferite almeno 130. A renderlo noto i media del Paese e ufficiali della sicurezza.

L’attacco non è stato rivendicato, ma le autorità lo attribuiscono all’organizzazione islamista del presidente destituito Mohamed Morsi. L’organizzazione però prende le distanze dal gesto: “I Fratelli musulmani condannano nella maniera più dura l’attacco al quartier generale della polizia di Monsura”, si legge in un comunicato emesso dall’ufficio stampa londinese del gruppo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Buon Natale a chi parte e a chi resta

prev
Articolo Successivo

Guerrilla marketing: miracolo di Natale in aeroporto

next