Un bimbo rom di cinque mesi è morto in un campo nomadi abusivo di via Martirano, a Milano. La madre è stata iscritta nel registro degli indagati per omicidio colposo. Ancora non sono chiare le cause del decesso. Una delle ipotesi è che il bambino sia morto per il freddo della scorsa notte, ma il Comune fa sapere che è ancora presto per stabilirlo. Il neonato è stato soccorso attorno alle 9 di questa mattina dal 118 che lo ha trasportato in condizioni disperate all’ospedale San Carlo, dove è deceduto poco dopo.

Secondo quanto riferito da fonti di Palazzo Marino, la madre del bambino – che vive a Roma – era arrivata nell’insediamento abusivo da poco tempo e per questo non era nota ai servizi sociali. Si era trasferita in una baracca con altri due figli (oltre a quello che poi è deceduto) per stare più vicino al marito detenuto nel carcere di Pavia. Gli investigatori la hanno ascoltata per capire se il bambino soffrisse di patologie pregresse. Sul corpo suo corpo sono stati trovati dei segni, ma sarà comunque l’autopsia, disposta dal pm Adriana Blasco, a chiarire le cause della morte. L’accampamento è situato vicino a un altro campo nomadi legalizzato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Esselunga criticata per apertura a Mantova. Risponde regalando buoni spesa da 30 euro

prev
Articolo Successivo

Il contratto tra l’assessore e la segretaria: “Farai sesso con me quattro volte al mese”

next