La Corte Costituzionale ha dichiarato ammissibile il conflitto d’attribuzione tra poteri dello Stato scaturito da una controversia tra il senatore Maurizio Gasparri e il giornalista Marco Travaglio, vicedirettore del Fatto Quotidiano. Il conflitto è stato sollevato nei confronti del Senato dal Tribunale di Roma, prima sezione civile, in un procedimento per la richiesta di danni avanzata da Travaglio per alcune dichiarazioni di Gasparri ritenute diffamatorie.

Le frasi contestate sono state pronunciate dal senatore Pdl, oggi di Forza Italia, a “Rainews24” e a “Porta a porta” e in altre occasioni pubbliche, poi riprese dalle agenzie di stampa. Gasparri parlava di un presunto pagamento da parte di un condannato per reati di mafia di una vacanza che il giornalista avrebbe trascorso in Sicilia. “Io vorrei fare una trasmissione dedicata al fatto che Travaglio anni fa in Sicilia è andato in vacanza a spese di un condannato per mafia. Questo è Travaglio!”, diceva tra l’altro Gasparri, che di fronte alla richiesta danni del giornalista si è costituito in giudizio appellandosi all’immunità parlamentare per le dichiarazioni rese nell’esercizio delle funzioni, rispetto alle quali il Senato si è espresso con l’ordinanza del 20 dicembre 2012.

L’ordinanza del Tribunale è stata depositata nell’agosto scorso, la Camera di Consiglio della Consulta si è tenuta il 6 novembre è oggi è stata depositata la decisione di ammissione del conflitto, con la sentenza 317 redatta dal giudice Sergio Mattarella. La Corte Costituzionale discuterà prossimamente il merito della causa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ok a decreto carceri e dl su processo civile: “Prima risposta a capo dello Stato”

prev
Articolo Successivo

Processo civile, ecco le misure del pacchetto giustizia

next