Un ragazzo di 21 anni, di origini eritree, è stato trovato morto in uno degli alloggi del centro d’accoglienza per i richiedenti asilo di Mineo (Ct). Il giovane aveva legato al collo una tenda arrotolata, probabilmente tolta dagli infissi dell’appartamento. La procura di Caltagirone ha aperto un fascicolo, anche se l’ipotesi più accreditata è quella del suicidio. Nel Cara di Mineo al momento sono ospitati circa quattromila migranti, in attesa di asilo. “Speravamo di non dover mai assistere a un episodio del genere. Ora non è il momento delle polemiche – si legge in una nota di Sel, che ha reso nota la notizia della morte del giovane – ma è chiaro che non possiamo non dirci coinvolti nell’ennesimo dramma dovuto al colossale fallimento del nostro modello di accoglienza”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage Viareggio, la Corte dei Conti su Rfi: “Sicurezza, tagliati 70 milioni in 3 anni”

next
Articolo Successivo

I Forconi e la paralisi democratica che li genera

next