Un ragazzo di 21 anni, di origini eritree, è stato trovato morto in uno degli alloggi del centro d’accoglienza per i richiedenti asilo di Mineo (Ct). Il giovane aveva legato al collo una tenda arrotolata, probabilmente tolta dagli infissi dell’appartamento. La procura di Caltagirone ha aperto un fascicolo, anche se l’ipotesi più accreditata è quella del suicidio. Nel Cara di Mineo al momento sono ospitati circa quattromila migranti, in attesa di asilo. “Speravamo di non dover mai assistere a un episodio del genere. Ora non è il momento delle polemiche – si legge in una nota di Sel, che ha reso nota la notizia della morte del giovane – ma è chiaro che non possiamo non dirci coinvolti nell’ennesimo dramma dovuto al colossale fallimento del nostro modello di accoglienza”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage Viareggio, la Corte dei Conti su Rfi: “Sicurezza, tagliati 70 milioni in 3 anni”

next
Articolo Successivo

I Forconi e la paralisi democratica che li genera

next