Sequestrato un tecnico italiano in Nigeria. Si tratta di Marcello Rizzo, 55 anni, che si trovava nel Paese africano in qualità di project manager della Gitto Costruzioni, una società edile siciliana. Il rapimento è avvenuto mercoledì sera nella regione del Delta del Niger, nel sud della Nigeria: l’uomo si trovava sul posto per occuparsi della costruzione di un ponte sul fiume, per conto della sua azienda, tra le città di Onistsha e Asaba. Di ritorno dalla cava dove lavorava, secondo fonti locali, è stato fermato da otto uomini a volto coperto, armati di kalashnikov e machete. L’autista del tecnico italiano è stato picchiato, ma poi rilasciato dagli assalitori.

Il ministero degli Esteri ha confermato il sequestro e ha fatto sapere che “sono stati subito attivati tutti i canali per arrivare ad una soluzione del caso”, su cui è stato chiesto il massimo riserbo. Non è ancora chi siano gli autori del rapimento. In un primo momento si parlava di un sequestro ad opera del Mend, il movimento di guerriglia attivo nella regione del Delta del Niger. In seguito, ha preso corpo un’altra ipotesi: a rapire il tecnico sarebbe stata una banda criminale del luogo per ottenere un riscatto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Egitto, verso processi militari per i civili. Sempre più potere in mano all’esercito

prev
Articolo Successivo

Turchia islamica, l’imam che fa sballare la ‘dottrina’

next