Non hanno raggiunto il quorum del 32% i due quesiti previsti dal referendum che ha coinvolto i cittadini, interni ed esteri, della Repubblica di San Marino: ‘sì’ o ‘no’ all’avvio della procedura di adesione all’Unione europea e alla rivalutazione delle retribuzioni dei lavoratori dipendenti. Nel primo caso le preferenze, sulla base dei voti validi, si sono quasi equivalse: i ‘sì’ sono stati 6.733 (50,28%, 3.924 voti mancanti al quorum di 10.657), i ‘no 6.657 (49,72%). Più netti i risultati per il secondo quesito, chiamato ‘referendum salva stipendi‘: 10.025 ‘sì’ (73,12%, ne occorrevano altri 632 per raggiungere il quorum) e 3.685 ‘no’ (26,88%). I votanti – i seggi sono stati aperti dalle 7 alle 20 – sono stati 14.446, il 43,38% dei 33.303 iscritti: ha votato, nel dettaglio, il 62,86% dei sammarinesi ‘interni’ (13.847 su 22.029) e solo il 5,31% degli ‘esterì (599 su 11.274).

Nei giorni scorsi, la campagna elettorale per il sì e il no aveva acceso gli animi nella Repubblica di San Marino, mettendo sul tavolo discussioni più ampie sul presente e il futuro dello Stato del Titano. Per il fronte del “sì” si erano schierati Partito socialista, sinistra unita, Unione per la Repubblica; mentre per il “no” Noi sanmarinesi e il movimento Rete. A sostenere il fronte di chi non voleva cominciare la procedura di adesione anche la Lega Nord con il deputato Gianluca Pini in trasferta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Piacenza, la Lega Nord litiga anche sulla Festa della Zucca. E ne spunta una seconda

next
Articolo Successivo

Ragazza violentata a Modena, Giovanardi: “Non c’è da meravigliarsi”

next