Introduzione del reato di tortura nel codice penale, istituzione del garante nazionale delle persone private della libertà personale, modifiche alla legge sulle droghe con la depenalizzazione del consumo e la riduzione dell’impatto penale. Sono questi i contenuti delle tre proposte di legge di iniziativa popolare a sostegno delle quali Antigone e altre associazioni hanno raccolto 50 mila firme e affidato i testi a deputati di Sel e Pd, perchè ne promuovano quanto prima il dibattito in Parlamento. “La prima proposta – ha spiegato Patrizio Gonnella presidente di Antigone – vuole sopperire ad una lacuna normativa grave. In Italia manca il crimine di tortura, nonostante vi sia un obbligo internazionale in tal senso”. La seconda proposta vuole intervenire in materia di diritti dei detenuti e di riduzione dell’affollamento penitenziario. “Si tende – ha spiegato ancora Gonnella – a rafforzare il concetto di misura cautelare intramuraria come extrema ratio. Viene abrogato il reato di clandestinità e si interviene drasticamente anche sulla legge Cirielli in materia di recidiva, ripristinando la possibilità di accesso ai benefici penitenziari e azzerando tutti gli aumenti di pena”. La terza proposta di legge vuole modificare la normativa sulle droghe, che è stata la causa di “tanta carcerazione inutile nel nostro Paese”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consulta: “Sovraffollamento carceri? No a rinvio pena, ma legislatore agisca”

next
Articolo Successivo

Tangenti sanità lombarda, Regione parte civile contro ex assessore Guarischi

next