“Se se ne bocciano altri tre nel pomeriggio entrerebbero i 32 di Quirico”. È un appunto scritto da Cesare Vaciago, l’ex direttore generale del Comune di Torino negli anni di Chiamparino e ora direttore del Padiglione Italia all’Expo 2015, imputato per abuso d’ufficio in un processo cominciato ieri. Secondo il pm Cesare Parodi e gli avvocati di parte civile il foglio, inserito negli atti del processo, dimostrerebbe l’irregolarità del concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di 21 dirigenti comunali tenuto nell’estate 2010 e annullato nel dicembre 2012 dal Consiglio di Stato.

L’accusa ipotizza che il concorso sarebbe stato falsato per permettere l’ingresso in pianta stabile di alcuni membri dello staff dei direttori comunali (tra cui Giovanni Battista Quirico citato nell’appunto) e di altri dipendenti. L’appunto sequestrato nell’ufficio dell’ex city manager (guarda) indicherebbe che le graduatorie dei risultati delle prove scritte sarebbero state aggiustate in modo tale da far passare alla prova orale i candidati dei dirigenti in carica. Stando alle carte dell’indagine nella fase successiva nessuno dei commissari ha steso i verbali degli esami orali, rendendo così poco trasparenti le selezioni.

Un altro appunto che dimostrerebbe gli aggiustamenti delle graduatorie è la frase “Si potrebbe recuperare X al 27° posto”, ma nell’udienza preliminare Vaciago, rilasciando spontanee dichiarazioni al giudice che poi ha deciso di rinviarlo a giudizio, ha affermato che X era un candidato sul quale uno dei commissario d’esame aveva delle incertezze.

Neanche i più stretti collaboratori di Vaciago hanno dubbi sugli sbagli procedurali. In una telefonata intercettata dalla Guardia di Finanza il vice direttore generale Giuseppe Ferrari dice all’ex direttore dei servizi culturali Anna Martina che Vaciago “ha fatto un sacco di cose che da un punto di vista formale potrebbero essere censurate e ne ha preso atto, perché sai che è un pasticcione in ste robe qua, non è il suo mestiere”. I pasticci però non hanno impedito la sua nomina al Padiglione Italia dell’Expo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Csm, le toghe non “rosse” chiedono tutela contro il videomessaggio di Berlusconi

prev
Articolo Successivo

Trattativa Stato mafia, Pm in aula: “Il presidente Napolitano deponga”

next