”Sempre rimane il dubbio se questa guerra di qua o di là è davvero una guerra o è una guerra commerciale per vendere queste armi, o è per incrementarne il commercio illegale?”.  Il Papa scende di nuovo in campo contro la guerra: “No al commercio e alla proliferazione delle armi. Preghiamo perché cessi subito la violenza e la devastazione in Siria e si lavori con rinnovato impegno per una giusta soluzione del conflitto fratricida”

Dopo la veglia di ieri sera in piazza San Pietro, all’Angelus Francesco è tornato a condannare la violenza in tutte le sue forme. “C’è una guerra – ha affermato il Pontefice – più profonda che dobbiamo combattere, tutti! È la decisione forte e coraggiosa di rinunciare al male e alle sue seduzioni e di scegliere il bene, pronti a pagare di persona: ecco il seguire Cristo, ecco il prendere la propria croce! Questo comporta, tra l’altro, – ha spiegato Bergoglio – dire no all’odio fratricida e alle menzogne di cui si serve, alla violenza in tutte le sue forme, alla proliferazione delle armi e al loro commercio illegale. Questi sono nemici da combattere uniti e con coerenza, non seguendo altri interessi se non quelli della pace e del bene comune”.

Papa Francesco ha voluto, inoltre, ringraziare i 100mila fedeli presenti ieri sera in piazza San Pietro per la veglia per la pace in Siria, in Medio Oriente e in tutto il mondo e i tantissimi cristiani e membri di altre confessioni religiose che in tutto il mondo hanno raccolto l’invito del Papa alla preghiera e al digiuno. “Vorrei ringraziare – ha affermato il Papa – tutti coloro che, in diversi modi, hanno aderito alla veglia di preghiera e digiuno di ieri sera. Ringrazio tante persone che hanno unito l’offerta delle loro sofferenze. Ringrazio le autorità civili, come pure i membri di altre comunità cristiane o di altre religioni, e uomini e donne di buona volontà che hanno vissuto, in questa circostanza, momenti di preghiera, digiuno, riflessione”.

L’impegno, però, ha spiegato Francesco ai tantissimi fedeli presenti all’Angelus continua: “Andiamo avanti con la preghiera e con opere di pace! Vi invito a continuare a pregare perché cessi subito la violenza e la devastazione in Siria e si lavori con rinnovato impegno per una giusta soluzione al conflitto fratricida. Preghiamo – ha aggiunto il Papa – anche per gli altri Paesi del Medio Oriente, particolarmente per il Libano, perché trovi la desiderata stabilità e continui a essere modello di convivenza; per l’Iraq, perché la violenza settaria lasci il passo alla riconciliazione; e per il processo di pace tra israeliani e palestinesi, perché progredisca con decisione e coraggio. E preghiamo per l’Egitto, affinché tutti gli egiziani, musulmani e cristiani, si impegnino a costruire insieme la società per il bene dell’intera popolazione. La ricerca della pace – ha concluso Francesco – è lunga, e richiede pazienza e perseveranza!”.

Mofidicato da redazione web alle ore 12.40

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni sindaco di Mosca, il blogger anti Putin Navalny sfida l’uomo del Cremlino

next
Articolo Successivo

Siria, per eccesso di forza la guerra è sempre inutile

next