Al via i primi test su pazienti di uninnovativo vaccino contro il melanoma, il tumore della pelle più feroce: il vaccino consiste di piccole “spugnette” rotonde che si applicano sotto la cute del paziente e, lì, riprogrammano il suo sistema immunitario rendendolo capace di attaccare il tumore.

L’idea, già testata con successo su animali in un lavoro che è stato pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine, è del gruppo multicentrico diretto da David Mooney della Harvard University di Boston. Secondo quanto riferito in una nota, questa prima sperimentazione clinica durerà fino al 2015.

Tutti i vaccini terapeutici contro i tumori si basano su un principio comune: istruire il sistema immunitario del paziente a riconoscere e attaccare selettivamente le cellule tumorali. Per fare questo in genere si prelevano delle cellule immunitarie del paziente che poi si modificano in provetta facendo loro ‘incontrare’ molecole tumorali (antigeni) che gli servono per imparare a riconosce il tumore. Infine le cellule così modificate si reiniettano nel paziente e fanno il loro lavoro.

Il vaccino della Harvard è ancora più innovativo perché la riprogrammazione delle cellule immunitarie avviene direttamente sotto cute ed è mediata da un cocktail di fattori di crescita e antigeni tumorali di cui sono “imbevuti” i dischetti di materiale biocompatibile. Le spugne rilasciano il loro cocktail richiamando le cellule immunitarie e armandole contro il melanoma. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ancora l’omeopatia! Come è possibile?

prev
Articolo Successivo

Sigaretta elettronica, per smettere di fumare inefficace come cerotti alla nicotina

next