Le tensioni politiche in vista del redde rationem su Iva e Imu non aiutano Piazza Affari che, in una giornata di diffuso nervosismo, ha guadagnato la maglia nera d’Europa. Se infatti Madrid Parigi e Francoforte hanno hanno oscillato per tutta la seduta e hanno finito col chiudere rispettivamente a -0,42, -0,06 e +o,22% influenzate anche dalle tensioni geopolitiche siriane, Milano ha viaggiato su un rosso costante che sul finale si e’ attestato a -2,1% sotto il peso, oltre ai temi internazionali, di tutte le incertezze della situazione interna.

A farne maggiormente le spese, oltre a Mediaset (-6,25% dopo una sospensione per eccesso di ribasso) tutti i titoli finanziari che sono particolarmente legati all’andamento del debito sovrano che ha registrato una crescita dei tassi d’interesse del Btp decennale al 4,37% con notevoli riflessi sul differenziale rispetto agli omologhi tedeschi che invece hanno registrato una netta discesa, per uno spread in salita a 248 punti (241 la chiusura di venerdì 23). E così Fondiaria Sai ha perso il 3,31%, Mps il 3,37%,Unicredit e Intesa rispettivamente il 3,5 e il 3,33 per cento.

Secondo un trader citato dall’agenzia Reuters, l’acuirsi della crisi politica “potrebbe portare lo spread sul Btp attorno ai 300 punti”, con conseguenze negative sul settore bancario che ha un forte peso sull’indice della Borsa milanese. Non mancano, però, voci controcorrente. Come quelle degli analisti di Equita Sim che, anche alla luce dell’andamento positivo dei giorni scorsi, ritengono che i mercati siano in realtà “meno preoccupati della situazione politica di quanto si potesse immaginare, probabilmente scontando un Letta bis“. La sim milanese, dunque, non crede in una netta inversione di rotta delle piazze finanziarie pur non escludendo una breve fase di vendite per prese di profitto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La guerra dei presidenti dentro l’Ente Nazionale Sordi

prev
Articolo Successivo

Il presidente Letta e quelle grottesche lezioni sull’autolesionismo

next