Ci sarebbe una vittima, secondo alcuni testimoni oculari, a seguito della forte esplosione che si è verificata alle 18.40 ora locale al terminal 3 dell’aeroporto internazionale di Pechino. Secondo la tv di Stato Cctv, poi confermata dalla polizia della capitale cinese, si tratterebbe di un attentato compiuto da un disabile di 34 anni della provincia dello Shandong, di nome Ji Zhongxing. L’uomo, in sedia a rotelle, a seguito delle ferite è stato ricoverato in ospedale, ma non è grave.

Ji ha fatto esplodere un ordigno rudimentale costruito con materiale usato di solito per i fuochi d’artificio. Un testimone ha affermato che l’uomo è rimasto a lungo vicino ad una delle uscite dell’aeroporto ma che nessuno sembrava dargli ascolto. L’attentatore si sarebbe lamentato dei maltrattamenti subiti da parte della polizia locale di Dongguan, nel sud del Paese. Decine di passeggeri su weibo, il twitter cinese, hanno diffuso foto nelle quali si vede Ji sulla sedia a rotelle che alza le braccia, stringendo un oggetto non identificato nella mano sinistra.  La tv non fornisce notizie sulle motivazioni di quello che appare come un attentato suicida, si legge sul sito del South Cina Morning Post, e secondo l’emittente nessun viaggiatore è rimasto ferito e l’attività dell’aeroporto non è stata interrotta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La battaglia di Serekani e il nuovo Medio Oriente di cui abbiamo bisogno

prev
Articolo Successivo

Il principe Philippe diventa re del Belgio. Tra scandali e pulsioni secessioniste

next