Ha sparato alla moglie e l’ha uccisa. E’ accaduto a Bra, in provincia di Cuneo. Michele Bambino, un 59enne titolare di un’azienda di autotrasporti è andato a trovare la moglie, Marta Forlani, una casalinga di qualche anno più giovane di lui e dalla quale era ormai separato, che viveva in una delle due abitazioni create dalla villetta dove avevano vissuto insieme. L’uomo si è recato a casa della vittima, che era in compagnia di tre amiche e l’avrebbe prima colpita con un pugno, poi, dopo essersi temporaneamente allontanato, è tornato con una pistola Beretta, risultata rubata nel 2006 a Centallo (Cuneo) e ha esploso numerosi colpi.  Poi ha chiamato la polizia e si è seduto su un muretto ad attendere. Le forze dell’ordine lo hanno trovato ancora con la pistola in mano.

Secondo gli elementi raccolti, l’uomo aveva già minacciato la donna, a quanto pare davanti ad un avvocato, qualche anno faIl movente del delitto potrebbe essere legato a motivi finanziari legati alla separazione. Problemi e rancori che si sono perpetrati nel tempo, anche se la coppia era separata da oltre quattro anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pavia, due bambine scomparse nelle acque del Po. “Risucchiate da vortice”

prev
Articolo Successivo

Fondi all’Avanti, la Corte dei Conti indaga su Lavitola e De Gregorio

next