Che cos’è per un fedele la bellezza se non un dono di Dio? A maggior ragione per un sacerdote. Che era tra i giurati che hanno “incoronato” ad Avella in provincia di Avellino la finalista provinciale del concorso nazionale di Miss Italia. Nella giuria, composta da istruttori di fitness, casalinghe, studentesse, giornalisti ed avvocati che ha scelto Rosalia Cerlino, studentessa dell’Istituto Alberghiero di Quarto (Napoli), c’era anche don Riccardo Pecchia, quarantenne sacerdote la cui famiglia è originaria e vive ad Avella. E che ha così di fatto “benedetto” la scelta. L’anno scorso a conquistare la fascia Giusy Buscemi (nella foto).

Don Riccardo, ordinato nel 2006, dopo una esperienza di vice-parroco a Ladispoli (Roma) è stato incardinato nel Santuario della Basilica Pontificia di Pompei, dove tuttora risiede. Prima che la vocazione prendesse il sopravvento, il sacerdote aveva dinanzi a sé una promettente carriera di stilista che lo aveva portato a lavorare con importanti maison come Fendi. Senza timori, don Riccardo si è presentato in clergyman e ha preso posto nel settore riservato alla giuria nell’Anfiteatro romano di Avella, dove si è svolta la manifestazione al termine della quale si è lasciato immortalare sul palco insieme agli organizzatori della manifestazione e alla reginetta della serata. Poco distante dal palco, avveniva la protesta nei confronti degli amministratori comunali per la concessione dell’Anfiteatro che ha visto protagonisti i giovani delle locali associazioni culturali alle quali la suggestiva location verrebbe puntualmente negata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sigaretta elettronica: presidio sanitario o malattia sociale?

prev
Articolo Successivo

Fra malessere e assuefazione, l’inutile rabbia di ‘ultima generazione’

next