Adriano Zaccagnini è il terzo deputato del Movimento 5 Stelle a passare al gruppo misto e il sesto eletto a lasciare le fila dei grillini in Parlamento. Una decisione sofferta da parte di una delle anime più critiche del gruppo. Da sempre in contrasto con la linea dei più fedeli a Beppe Grillo, il deputato ha spesso cercato di spiegare la sua appartenenza al Movimento e la volontà di cambiare le cose dall’interno. Fino ad oggi, quando è arrivata la scelta di abbandonare. “Me ne vado, ma restituirò i soldi”, ha detto Zaccagnini ai giornalisti. “Questa mattina mi e’ arrivato l’Iban ed ho già provveduto a restituire 8.500 euro per due mesi e mezzo. Continuerò a farlo, ma non credo di destinare i fondi all’abbattimento del debito pubblico, un’idea discutibile quando si sta parlando di una rinegoziazione”. 

“Non mi sento più a mio agio, c’è un clima irrespirabile. Non ho più la forza di continuare a combattere da dentro una guerra che non ha senso”, ha affermato Zaccagnini nel suo addio. “Questo non è un partito aziendalista ma un movimento aziendalista in cui la strategia politica è calata dall’alto. D’altronde dopo 20 anni di berlusconismo, non poteva che nascere un Berlusconi 2.0”. 

Prima di lui due espulsioni: Marino Mastrangeli, cacciato dopo le comparsate in televisione e Adele Gambaro, senatrice colpevole di aver criticato su Sky Tg24 il leader e i suoi metodi comunicativi. Senza dimenticare le defezioni di Alessandro Furnari e Vincenza Labriola, deputati della Puglia che hanno deciso di andarsene autonomamente dal gruppo. L’ultima ad abbandonare la squadra era stata la senatrice Paola De Pin. I problemi in casa 5 Stelle continuano e i malumori dei giorni scorsi sembrano riemergere all’improvviso. 

“Nel Movimento si è innescata la competizione – ha continuato Zaccagnini nel lungo comunicato di spiegazione – e il clima è da caccia alle streghe. Non voglio stare in un Movimento che epura, emargina, insulta e caccia persone per le loro opinioni. Ho provato nei giorni scorsi a rivolgere un appello a chi parlava di mele marce, di elementi tossici, contravvenendo a quanto ci eravamo detti in assemblea”, una sorta di consegna del silenzio per placare gli animi. “Ora che hanno capito che sul blog c’è il 50% dell’astensionismo davanti a questi temi, allora cambiano tattica ma non strategia”. Quella adottata, a detta di Zaccagnini, “è la strategia del terrore, al posto della rivoluzione che il Movimento si era intestato”.

In compenso però, non c’è stata nessuna telefonata chiarificatrice con il leader: “Non ho sentito Beppe Grillo”, ha garantito il deputato, “ma il problema non è lui. A lui riconosco il merito del progetto, il problema è lo staff che non ha un approccio politico ma aziendale”. L’eletto si associa alle dichiarazioni della senatrice Paola De Pin che ha abbandonato il gruppo due giorni fa: “Avrei voluto lasciare venerdì scorso, ma mi hanno chiesto di aspettare l’esito delle elezioni amministrative e così ho fatto”. 

L’amarezza più grande è verso lo staff e il vertice del Movimento: “La nomina e il ruolo della Casaleggio associati”, ha concluso Zaccagnini, “non si capisce che regola segua e se ha un termine, una verifica, una sostituzione o eventuale turnazione. In questo modo la democrazia è in pericolo, viene meno il rispetto del diverso da noi, del confronto e della messa in discussione di chi assume ruoli dirigenziali. Non riesco più al lavorare serenamente in un progetto del genere. La rete viene dipinta come un idolo e per gli aderenti M5s rappresenta la verità assoluta, un campione perfetto. Non capisco più se c’è un identità nel M5s, se c’è mai stata essendo aprioristicamente oltre che destra e sinistra, oltre tutto”.

 

 

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo Ruby, M5S: “Ddl Pd e Sel per salvare Berlusconi. Occhi aperti”

next
Articolo Successivo

F-35 spaccano il Pd, anche i democratici parlano di sospendere il programma

next