Sul Corriere della Sera di oggi l’Assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Mario Mantovani, dice che ci sono “troppi ospedali ed aziende sanitarie locali: uno su cinque da chiudere o riconvertire”.

Fermo restando che, con la crisi economica nazionale e mondiale, occorre risparmiare, come tutti i cittadini cercano di fare a partire dalle proprie famiglie, mi domando perché Mantovani non abbia già rinunciato ai suoi innumerevoli incarichi che non credo faccia gratuitamente. Gestire 17,3 miliardi di euro di budget spesi per la salute dei cittadini lombardi non è cosa facile se deve impegnare il suo tempo anche come:

– Vicepresidente Regione Lombardia
– Sindaco di Arconate
– Coordinatore del Pdl in Lombardia
– Senatore

Nessun nuovo ospedale quindi (Cerba e Cittadella della salute saranno abbandonati?) ma riorganizzazione di quelli esistenti. Ma prima perché non valutare per il controllo, la riqualificazione delle risorse e come meccanismo di antievasione in sanità l’introduzione di History Health? Perché non cominciare a risparmiare su Lombardia Informatica? Perché non partire da risparmi certi quali quelli su farmaci uguali a costi enormemente differenti?

Sig. Assessore sa quante cose si potrebbero fare prima di tagliare ospedali già esistenti? Cominci Lei a dare il buon esempio lasciando immediatamente tutti gli altri incarichi: gestire la sanità è difficile ed occorre impegno assoluto per il benessere del cittadino contro gli interessi delle aziende sanitarie.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Presidente e il governo dell’economia

prev
Articolo Successivo

Grecia, Starbucks trasforma gli incassi in perdite: al fisco neanche un caffè

next