Sono su omofobia, coppie di fatto e modificazione di sesso le prime proposte di legge del Movimento 5 Stelle. Una intende introdurre “nuove disposizioni per il contrasto dell’omofobia e della transfobia” ed è stata depositata dalla senatrice Michela Montevecchi. Una seconda prevede nuove “norme in materia di modificazione dell’attribuzione di sesso”, ed è stata proposta dal senatore Alberto Airola. Poi c’è una terza proposta, promossa da Luis Alberto Orellana, che intende introdurre “modifiche al codice civile in materia di eguaglianza nell’accesso al matrimonio in favore delle coppie formate da persone dello stesso sesso”.

Le tre proposte di legge depositate in Senato sono quelle messe a punto dalla Rete Lenford, l’avvocatura per i diritti LGBT, attiva nella promozione di iniziative di diffusione della cultura e del rispetto dei diritti delle persone omosessuali nel nostro Paese. “Sono iniziative che sottoscriviamo”, spiega Orellana. Le tre proposte di legge sono state depositate anche dal vicepresidente del Pd Ivan Scalfarotto. Sul suo sito si legge, tra l’altro, che le tre proposte sono “di assoluta civiltà, belle e ben scritte, che un gruppo di eletti (in particolare del M5S e di Sel) si è già impegnato a sottoscrivere. Io credo – scrive Scalfarotto – che su questi testi si possa raccogliere un consenso anche più ampio, e lavorerò a Montecitorio per trovare molti altri parlamentari disponibili a sostenerli”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Movimento 5 Stelle, Crimi: “Rimandiamo la rendicontazione sulle spese della diaria”

prev
Articolo Successivo

Governo, Bersani risponde a Napolitano: “Larghe intese? L’ostacolo non sono io”

next