Inizialmente avrebbe dovuto essere un progetto solista, poi, complice la tournée live dopo il fortunato disco d’esordio Becoming a Jackal affrontata insieme con amici musicisti, inevitabilmente, quello dei Villagers si è trasformato strada facendo in un gruppo vero e proprio. Conor J. O’Brien (ex-The Immediate) da Malahide, paese sulla costa Est dell’Irlanda, ritorna con la nuova band presentando questo Awayland, disco intimo e personale dalle molteplici sfumature, dove il pop rock e l’elettronica sono ben assortiti con archi e fiati che spesso e volentieri prendono il sopravvento. Undici storie dal villaggio, da ascoltare in religioso silenzio per goderne la bellezza, assaporarne la magia. Un album che merita più di un ascolto per esser compreso pienamente. La scrittura non è sempre fluida, il tentativo di riaggiornarne il linguaggio è ammirevole. Su tutte Nothing Arrived, The WavesMy Lighthouse. Consigliato.


 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Atoms For Peace, il progetto di Thom Yorke in libera uscita dai Radiohead

prev
Articolo Successivo

Battisti, genio controvoglia

next