Alessandro Pansa come Oscar Giannino. Dopo la polemica sul master millantato dal candidato di Fare per fermare il declino, un altro scandalo universitario punta i riflettori sul nuovo numero uno di Finmeccanica. Nella prima metà degli anni Ottanta, infatti, il manager cinquantenne si guadagnò una sospensione di sei mesi dalla Bocconi di Milano per avere contraffatto il libretto degli esami. Alcuni pensano che quella mossa permise al numero uno di Finmeccanica, che ha sostituito Giuseppe Orsi ai primi di febbraio dopo l’arresto per corruzione internazionale, di arricchire il curriculum per accedere a un programma di scambio organizzato dall’ateneo di Milano per andare a studiare alcuni mesi all’università di New York.

Un portavoce di Pansa, interpellato da L’Espresso, ha subito respinto qualsiasi collegamento tra la contraffazione del libretto e l’esperienza newyorchese. “Si trattò di una vicenda legata alla trascrizione sbagliata del voto di un esame, che Pansa aveva corretto di proprio pugno”, ha spiegato, “cosa che non avrebbe dovuto fare perché sarebbe dovuta essere l’università a farlo, e che per questo motivo portò a una sospensione di sei mesi dalla Bocconi”. Una mossa che fece slittare di alcuni mesi la laurea in economia politica con specializzazione in tematiche finanziarie e monetarie ottenuta dal numero uno di Finmeccanica, che fu comunque il trampolino di lancio per la sua carriera da manager.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Processo Ruby bis, Barizonte: “Un bacio alla francese con Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

Biblioteca Gerolamini, Dell’Utri indagato: “I libri mi furono regalati”

next