Sono in molti tra i nostri lettori a domandarci se la scelta di una vita da nomade digitale, magari espatriando in un altro Paese, non implichi un inevitabile sacrificio imposto a chi ci vive accanto.

In effetti la scelta di cambiare Paese o di vivere spostandosi periodicamente è spesso solitaria e, quando è condivisa da una coppia, è in due che si desidera e si pianifica un cambiamento di vita, partendo alla ricerca di un equilibrio condiviso e spesso con un progetto lavorativo comune.

Le cose si complicano quando a espatriare o a viaggiare, spostandosi per scelta, per opportunità o per un’occasione lavorativa, è uno solo dei due e l’altro necessariamente deve adeguarsi.

E di norma, in Italia, “l’altro che deve adeguarsi” è quasi di certo la donna. E’ una questione di politiche mancate, ma soprattutto di cultura.

Sono i dati Istat a confermarci l’arretratezza dell’Italia (anche) su questo: nel nostro Paese il 33% delle donne tra i 25 e i 54 anni non ha un reddito. Il 52% delle laureate svolge un lavoro per il quale è richiesto un titolo di studio inferiore a quello posseduto (41,7% per gli uomini), guadagnando in media anche il 20% in meno dei colleghi uomini. Il part time, che penalizza la carriera, è il lavoro femminile per eccellenza, con un 30% per le donne rispetto al misero 5% degli uomini.

Il quadro già sconcertante dell’occupazione femminile raggiunge la piena completezza con i dati relativi alle madri: quando rimane incinta una neo mamma su 4 perde il lavoro; a due anni dal parto il 22% delle donne italiane non ha più il proprio posto di lavoro, tra chi diventa mamma il 30% interrompe il lavoro per motivi familiari (contro il 3% dei padri).

E’ chiaro che su tali premesse, per noi donne la prospettiva di un espatrio, o di una mobilità imposta dalle scelte dell’altro, è un’avventura che può presentare molte difficoltà, non solo dal punto di vista personale, ma soprattutto professionale.

Claudia Landini, fondatrice di Expatclic, un portale dedicato all’espatrio al femminile, e coach che aiuta le donne espatriate a intraprendere nuovi percorsi professionali, mi illustra dati che fanno riflettere.

Il 79% delle donne lavorava prima di seguire il proprio compagno o coniuge all’estero ma solo il 36% ha trovato lavoro nel nuovo Paese. Del 59% delle compagne o mogli che lavoravano prima di trasferirsi, solo l’8% ha potuto continuare a farlo (Global Relocation Trends Survey).

Emerge chiaro che i percorsi tradizionali non funzionano per le donne che espatriano e forse costruirsi una carriera mobile, portatile, da svolgere tramite Internet, può essere una valida alternativa per rilanciare sul proprio futuro professionale e per conciliare vita, famiglia e lavoro.

La storia personale e professionale di Claudia, e delle tante donne che lei ha incontrato e aiutato a realizzarsi, racconta proprio questo.

Non è facile rimettersi in gioco, riannodare i fili di sogni messi da parte, di ambizioni lasciate per strada, non è facile ammettere di volere qualcosa in più, quando per lungo tempo siamo state impegnate a raccontarci che in fondo andava bene così…non è facile, ma è possibile.

sul Web non conta se sei donna, non conta se hai figli, non conta se non sei più sotto gli ‘anta’. Sei fuori da logiche e filosofia aziendali, spesso declinate esclusivamente al maschile.

Conta invece cosa sai fare e come lo sai fare, quanto sei in grado di aiutare gli altri con le competenze che hai maturato strada facendo, che sia con tutorial per realizzare torte di compleanno o con consulenze professionali a distanza sfruttando il tuo secondo Master.

C’è un mondo che si sta colorando di rosa sul Web…diamoci la possibilità di fare la differenza per gli altri… e anche per noi.

di Marta Coccoluto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

One Billion Rising, la danza delle donne di ogni angolo del mondo

next
Articolo Successivo

Sanremo è Sanremo. La violenza sulle donne è un’altra cosa

next