Inammissibili. Così la Corte costituzionale ha giudicato, con due distinte ordinanze, i due ricorsi per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato presentati dalla procura di Taranto, uno nei confronti del governo per il decreto salva-Ilva e l’altro nei confronti del parlamento per la relativa legge di conversione. Secondo i magistrati pugliesi sono stati violati, tra gli altri, gli articoli della Costituzione inerenti l’indipendenza della magistratura e l’esercizio dell’azione penale.

La motivazione con cui la Consulta ha giudicato i ricorsi inammissibili è che il conflitto di attribuzione relativo a una legge o a un atto avente forza di legge è inammissibile quando sussiste la possibilità di sollevare eccezione di legittimità costituzionale su una norma ed è proprio quello che è successo nel caso del decreto salva-Ilva sul quale pendono questioni di legittimità sollevate davanti alla Corte Costituzionale dal Gup e dal Tribunale di Taranto. Il Presidente della Corte costituzionale fisserà in aprile, “nel rispetto dei tempi tecnici per la costituzione delle parti”, l’udienza pubblica per discutere appunto di queste questioni di legittimità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mps, Adusbef attacca Draghi: “A Bankitalia non manca potere ma volontà”

prev
Articolo Successivo

Dossier illeciti, sette condanne e 10 milioni di risarcimento a Telecom

next