Quando si dice, al peggio non c’è mai fine. Dopo i festini a tema, le cene a base di ostriche e champagne e le case di lusso regalate a Fiorito, ora la Regione Lazio ha pensato bene di fare cassa sulla pelle dei bambini malati di cancro. Ha deciso, come se nulla fosse, di sfrattare le famiglie e i bambini oncoematologici ospiti presso la casa messa loro a disposizione dall’associazione Peter Pan onlus, nata a Roma nel 1994 per aiutare, sia logisticamente che psicologicamente, chi è stato colpito dalla malattia, soprattutto se residente lontano dal luogo di cura.

Dieci giorni di tempo per fare le valigie e liberare l’edificio di via Francesco Sales, una collocazione strategica perché nei pressi dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma, con buona pace delle famiglie costrette a fare avanti e indietro dai reparti onco-ematologici del Bambino Gesú e del Policlinico Umberto I. In alternativa, la possibilità di restare pagando alle casse della Regione Lazio un affitto che va dai 20 mila ai 30 mila euro al mese, a fronte dei 3 mila euro mensili richiesti inizialmente, divenuti 6 mila dallo scorso anno. E siccome Peter Pan ha sempre pagato gli affitti con regolarità, l’ingiunzione di sfratto non è certo riconducibile alla morosità, quanto piuttosto al tentativo di adeguare il canone di affitto alle quotazioni commerciali della zona. La zona in questione, per l’esattezza, è nel cuore di Trastevere e alla Giunta regionale deve essere venuta l’acquolina pensando al profitto. Poco importa se a scapito dei bambini malati di cancro.

Dal 2000 a oggi sono circa 600 le famiglie di bambini in cura a Roma, ma non residenti nella Capitale, accolte da Peter Pan onlus nelle sue strutture. Famiglie non solo italiane, ma provenienti in circa il 20% dei casi da diversi Paesi del mondo, come Venezuela, Albania, Grecia, Romania, Ucraina, Iraq, Libia, Togo, Palestina, Madagascar.

Per illustrare la situazione è prevista una conferenza stampa domani, alle 12, presso la casa di Peter Pan, in via S. Francesco di Sales, 16.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ti lascio una canzone”, il boss: Votate mia figlia. Dal voto al televoto

next
Articolo Successivo

Rifiuti, Lazio: il Tar boccia il decreto Clini. Stop ai trasferimenti in 4 impianti

next