La porta della canonica aperta, il corpo pieno di ecchimosi, legato, senza vita sul pavimento. E’ questa la scena che gli investigatori si sono trovati davanti nella notte tra il 28 e il 29 dicembre. Don Mario Del Becaro, 63 anni, da 26 parroco della Chiesa di Tizzana del Comune di Quarrata, in provincia di Pistoia, è stato trovato morto intorno a mezzanotte e mezza. Secondo i carabinieri che si stanno occupando delle indagini si tratta di una rapina finita male. La cassaforte scassinata, il furto dell’auto del prete e la canonica messa a soqquadro fanno infatti propendere per questa ipotesi, anche se non sono ancora chiare le cause della morte. Il procuratore Giuseppe Grieco ha già disposto l’autopsia che rivelerà se don Mario è morto per un infarto dovuto allo spavento o per i colpi ricevuti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicilia: in commissione antimafia l’onorevole socio dei Messina Denaro

prev
Articolo Successivo

Leonardi alias ‘Chiappellone’: il boss finito in un tugurio

next