Il Senato approva il decreto taglia firme, che diventa legge. Con l’approvazione del testo si riduce del 75% il numero delle firme necessarie ai partiti non presenti in Parlamento per presentare le liste elettorali. Dopo la verifica del numero legale, su richiesta della Lega, il presidente del Senato Renato Schifani ha dato inizio alla votazione del provvedimento. La norma, approvata dall’aula per alzata di mano (con l’astensione della Lega) riduce le firme necessarie per la presentazione delle liste alle prossime elezioni politiche per movimenti e partiti non presenti in Parlamento. Basteranno quindi trentamila firme per la presentazione di una lista elettorale di una nuova forza politica. Inoltre, una ulteriore riduzione del 60% è prevista per i partiti che – alla data di entrata in vigore del decreto – sono costituiti in gruppo parlamentare almeno in una delle Camere, come ad esempio l’Udc.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni: il ruolo di magistrati, comici e giornalisti

next
Articolo Successivo

Elezioni 2013, Bersani: “Monti ora chiarisca come si pone rispetto al Pd”

next