Giornata davvero speciale oggi per il museo Mart di Trento e Rovereto che festeggia i 10 anni di vita: ingresso libero dalle 10 alle 22 e tantissime novità, anche digitali

Scambiando spesso mail con molti professionisti museali mi accorgo sempre di più di un entusiasmo diffuso, una voglia di fare e immaginare il futuro contagiosa e presente in tantissime strutture culturali: in questo senso, lo staff del Mart è un buon esempio.

E’ quindi un piacere condividere notizie su questa giornata che ha diversi elementi interessanti: un nuovo sito web, wi-fi libero in tutto il museo, ospiti a sorpresa, una prolusione di Emilio Isgrò, la nuova mostra diGianluca Vassallo “DentroInside”, una Focus su David Claerbout, laboratori per bambini, un’app per smartphone in collaborazione con Telecom e un concerto della “Corale città di Trento”.

Insomma se siete da queste parti è una bella occasione per passare un sabato diverso dal solito.

Ma in questa rubrica parliamo principalmente del lato digital e qui le novità non mancano: il sito nuovo è davvero molto più emozionale rispetto al precedente e l’utilizzo dei social media è davvero parte integrante della comunicazione del museo. Il profilo Twitter del museo (@Mart_Museum) conta oltre 7.000 follower, un numero niente male per una istituzione culturale italiana così come gli oltre 40.000 fan della pagina Facebook. Ma i numeri non significano nulla se non c’è interazione: provate quindi a conversare con lo staff sui vari presidi, e, soprattutto su Twitter, vedrete come il museo risponde prontamente.

Come ormai ogni evento che si rispetti, c’è un #hashtag dedicato per seguire l’evento: #dieciannidimart

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Restiamo in contatto. Nuova vita per i provini dei grandi fotografi

prev
Articolo Successivo

Vittoria Ottolenghi, una maratona lunga vent’anni

next