L’inverno incombe e il mio rapporto con i rossi rivive momenti di buona complicità. Non fosse altro perché, per me, questo è il periodo di alcuni spostamenti nelle Langhe – o in Piemonte in generale – ed ecco che finisco per bere fiumi di Nebbiolo, Barbera, Barolo e soprattutto Dolcetto, vitigno di cui amo la schiettezza (?) e l’eccezionale beva.

Avendo da poco scoperto un paio di ottime cantine a Dogliani (Cascina Corte e Boschis) ho pensato di fare un promemoria mentale da proporvi e pronto ad essere integrato dai vostri consigli.

Le posizioni elencate non rispecchiano un valore qualitativo crescente o decrescente (non mi interessano i voti, e non saprei nemmeno darli) e la classifica non ha nessun particolare rigore metodologico nel muoversi tra le varie DOC. Sono solo 7 bottiglie (con ampia maggioranza di Dogliani) che hanno molto da dire.

Dolcetto D’Alba 2009, Flavio Roddolo – La tradizione, il rigore e la cultura nella storica Monforte d’Alba, dove, dagli anni ’60, Flavio stupisce con grandi vini. Il suo dolcetto è praticamente perfetto per il grande equilibrio tra beva, evoluzione e spiccata acidità. Espressione autentica ed eccellente di un vitigno più difficile di quanto si creda. E che può dare grandi soddisfazioni anche invecchiando. Notevole anche il Dolcetto d’Alba superiore di cui ho bevuto il 2008.

Langhe Dolcetto 2011, Anna Maria Abbona – Anna Maria, insieme al marito Franco Schellino, negli anni sono diventati negli un’istituzione del vitigno nell’isolata Moncucco, a Farigliano. Nei loro vini spiccano naturalità e freschezza a prezzi contenuti. Molto celebrati il Dogliani Maioli e il Dolcetto di di Dogliani Sorì dij But, ma il Langhe Dolcetto si conferma ogni anno come un grande vino senza fronzoli. Pronto, fine ed energico: quello che mi aspetto da un Dolcetto.

Dolcetto D’Alba 2011, Roagna – Un’azienda/istituzione storica che prosegue da cinque generazioni. Talmente quotata e rispettata che fa molto poco, eno-chic citarla. Specie in una classifica sul Dolcetto, visto che qui è il Barbaresco a raggiungere vette difficilmente eguagliabili. Eppure il 2011, che ho provato in enoteca a Torino, mi è parso davvero ottimo: diretto, piacevole e dal frutto molto gradevole.

Dolcetto di Dogliani 2010, Cascina Corte – fino alla settimana scorsa non conoscevo questa piccola e ottima realtà sulle colline di San Luigi a Dogliani. Conduzione biologica in mano a Sandro Barosi e Amalia Battaglia che producono un Dolcetto proveniente da vari vitigni, ma in cui ben si sente la mano, in termini di freschezza e fragranza. Una realtà da approfondire e tenere d’occhio.

Dolcetto di Dogliani Valdibà 2010, San Fereolo – altro nome molto noto a Dogliani per via della scelta naturalista dura e pura e per la conduzione di Nicoletta Bocca, figlia di Giorgio. Le potenzialità evolutive, la profondità e il carattere deciso sono la chiave di questo dolcetto che in cantina si porta via a 8 euro.

Dogliani Sorì San Martino 2010, Francesco Boschis – altra scoperta piacevole dell’ultimo mese. Francesco produce tra i dolcetti più complessi e di maggior carattere con un frutto molto spiccato e dei bei tannini.

Dogliani Briccolero 2010, Quinto Chionetti – un secolo appena compiuto alle spalle per questa splendida azienda di Dogliani che vivifica dei Dolcetti in acciaio, caratterizzati per essenzialità e mineralità. Se cercate il classicismo sapete dove andare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domani si vota

next
Articolo Successivo

Fast food americani: i lavoratori protestano per le paghe da fame

next