Cara Onu, mi permetto di segnalarti che 23 anni fa esatti hai firmato una cosetta che oggi dovresti ricordare. Era il 20 novembre (ma del 1989). L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò una carta in 54 punti ribattezzata Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Non la farò lunga, cito solo due punti della sua descrizione in sintesi che si può trovare  sullo stesso sito dell’Unicef :

1)      “Essa (la Convenzione, ndr) prevede anche un meccanismo di controllo sull’operato degli Stati“;

2)      Tra i quattro punti fondamentali citati, il “Superiore interesse (art.3): in ogni legge, provvedimento, iniziativa pubblica o privata e in ogni situazione problematica, l’interesse del bambino/adolescente deve avere la priorità”.

Non voglio discutere su torti e ragioni. Sono una madre e le madri sanno che quando due fratelli cominciano a darsele l’importante è separarli, magari troncando con il classico “Non mi importa chi ha cominciato, piantatela immediatamente!”. Leggere e ascoltare distinguo quando esplodono case piene di famiglie e bambini mi fa rabbrividire. Sempre. Senza confini di terra, storia, religioni.

Unicef Italia ha già lanciato in questi giorni un appello contro quella che, a prescindere dal nome, dalla nazionalità e dal punto di vista, è comunque “una strage di bambini”. Ma il potere di fermarli è in mano al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, riunito da pochi minuti nel grande Palazzo di Vetro a New York.

Se l’Onu fosse una buona madre, una madre autorevole, dovrebbe ricordarsi di quella carta firmata proprio domani, 23 anni fa. E non limitarsi solo a tiepide mediazioni. Superiore interesse è superiore interesse, superiore a qualsiasi torto o ragione. Fate il vostro dovere: fermateli immediatamente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carceri sovraffollate e in pessime condizioni: la denuncia di Antigone

prev
Articolo Successivo

Assistenza sessuale, un racconto in prima persona

next