È di oltre 220 milioni di euro il costo del nuovo pirogassificatore che la regione Valle d’Aosta vuole costruire alle porte del capoluogo. Il più grande appalto assegnato dal 1945. Un gruppo di cittadini, riuniti nell’associazione Valle Virtuosa, raccolgono le firme per un referendum, vogliono bloccare l’opera. La Regione presa alla sprovvista e senza altra difesa invita i cittadini a non andare a votare domenica 18. Obbiettivo dichiarato del Presidente della Regione “non arrivare al Quorum. Non c’è possibilità di scelta, si deve fare l’inceneritore”. Per invogliare i valligiani al voto in piazza anche Beppe Grillo  di Cosimo Caridi e Elena Ciccarello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontri in piazza, un codice identificativo per gli agenti anche in Italia

next
Articolo Successivo

Masaniello, Beppe Grillo e la ministra Cancellieri

next